Flux piétons pôle d'échangePhotomontage bande médiane rte de ThononRéseau piétons Chêne-BougeriesTemps de parcours MD-Longemalle Parc_Renens
Identifier les flux piétons pour mieux les canaliser
Placer les piétons au centre de la réflexion sur les espaces publics
Placer les piétons au centre de la réflexion sur les espaces publics
Le parcours piéton: souvent le premier ou dernier maillon d'une chaîne de déplacements

Mobilità pedonale

Censire, Diagnosticare, Pianificare, Connettere, Riqualificare, Comunicare, Sensibilizzare, Valutare

La continuità passo a passo

 

Campi di intervento

La mobilità pedonale, i fattori in gioco

  • Messa in sicurezza degli utenti deboli della strada: scolari, studenti, persone anziane
  • Favorire l’intermodalità: sinergia naturale tra pedoni e trasporto pubblico
  • Salute: lotta contro le malattie e la sedentarietà
  • Abbellimento dello spazio pubblico: creare un’atmosfera che inciti a camminare in città

Superamento delle fratture urbane

  • Mettere in sicurezza degli attraversamenti pedonali: regolazione efficace, isole salvagenti, restringimenti, dislivelli, etc.
  • Assicurare la permeabilità tra gli assi: connessioni tra i poli e i quartieri, attraversamenti ravvicinati, etc.
  • Assicurare la visibilità: allontanamento della sosta, localizzazione dell’arredo urbano, segnaletica orizzontale, illuminazione, etc.

Definizione degli orientamenti futuri

  • Definizione delle linee direttrici di sviluppo della rete pedonale
  • Creazione di una vera e propria “armatura” di percorsi pedonali a maglia fine sul territorio
  • Favorire l’accesso ai trasporti pubblici
  • Migliorare la qualità e l’attrattività dei percorsi pedonali

Favorire una rete a maglia fine sul territorio

  • Riequilibrare gli spazi pubblici attorno al pedone
  • Identificare i punti critici della rete: discontinuità, cul-de-sac, maglie mancanti, etc.
  • Rendere permeabile lo spazio urbano per il pedone: eliminare le fratture, connettere i quartieri, assicurare l’accessibilità
  • Differenziare i livelli della gerarchia viaria: marciapiedi, strade a traffico debole, percorsi in sede propria

Curare i percorsi pedonali

  • Restituire condizioni ambientali favorevoli al pedone
  • Allontanare le fonti di rumore: rete pedonale ai margini delle vie di circolazione
  • Organizzare percorsi didattici e sentieri tematici
  • Indicare i tempi di percorso a piedi

Gerarchie di intervento

  • Proposta di strategie di estensione ottimale delle reti pedonali
  • Definizione e mappatura degli interventi prioritari
  • Pianificazione degli interventi e definizione delle urgenze
  • Stima dei costi, budget, finanziamenti